Attività: il Villaggio del mondo per una educazione alla mondialità

attività per bambiniL’attività che vi propongo oggi riguarda i paesi poveri del mondo e l’educazione alla mondialità. E’ adatta per bambini della scuola primaria e secondaria di 1°, ma debitamente modificata può essere utilizzata anche alla scuola secondaria di 2°. Vi assicuro che agli alunni piace lavorare seriamente con i dati alla mano e costruirci sopra grafici e tabelle.

In pratica si tratta di analizzare il Rapporto Unicef del 2008 che riporta i dati della situazione mondiale riguardo a:
1 Indicatori di base
2 Nutrizione
3 Salute
4 Hiv/Aids
5 Istruzione
6 Indicatori demografici
7 Indicatori economici
8 Donne
9 Protezione dell’infanzia
10 Tasso di progresso

Il Rapporto Unicef è abbastanza articolato, sono in tutto 164 pagine. Vi consiglio di guardarlo prima e comunque di far lavorare gli alunni della scuola secondaria solo sulle statistiche che trovate da pagina 117 in poi. Per la scuola primaria invece dovete fare voi il lavoro preparatorio di ricerca dei dati interessanti.

Come si procede nell’attività?
Una volta scelti gli argomenti che ci interessano possiamo iniziare a fare il rapporto di quei dati trovati in percentuale rispetto alla popolazione mondiale (che trovate negli indicatori di base). Ad esempio sul totale della popolazione nel mondo, 20 non hanno acqua, 30 ne hanno poca, 50 hanno acqua. Così con questi dati si cominciano a colorare i bambini della scheda che ho diviso in due parti per poterla fare più grande (File 1 e File 2). Avete infatti a disposizione due immagini da fotocopiare in fogli di formato A4 che uniti diventano un A3. Sono 16 file di 100 bambini, ognuna con un numero identificativo. In basso trovate la legenda per riportare il dato analizzato in una determinata fila. Fatemi sapere se è tutto chiaro e se i vostri alunni hanno gradito l’attività.

Technorati Tags: , , , , ,

Altri post che ti potrebbero interessare:



Both comments and pings are currently closed.

Vuoi essere informato gratuitamente quando esce una notizia? Inserisci la tua email:


Subscribe to RSS Feed Seguimi su Twitter!